Tag Archives: repubblica

Grazie Presidente!

5 Nov

Riportiamo l’intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al Liceo Classico Tito Livio tenuto oggi a Padova, qui il link dal sito del quirinale:

INTERVENTO
DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
GIORGIO NAPOLITANO
AL LICEO CLASSICO “TITO LIVIO”

Padova, 5 novembre 2008
Cara Preside, docenti, cari ragazzi,
grazie, non solo per questo omaggio, ma anche per la bellissima accoglienza.
Non vorrei usurpare titoli che non mi spettano: ho fatto soltanto un breve periodo al Liceo “Tito Livio” conseguendo la maturità classica. Siccome eravamo in piena guerra non erano in funzione gli esami di maturità e si veniva promossi sulla base degli scrutini finali. Ma anche se sono stato per poco tempo al “Tito Livio”, considero quel periodo molto importante per la mia formazione culturale e umana e, se volete, anche per la mia formazione politica, grazie all’aria che si respirava nella città e soprattutto all’Università. Avete una bellissima scuola, tenetela cara, onoratela facendo del vostro meglio negli studi.
Non voglio fare lunghi discorsi, vorrei dirvi solo questo: il mio assillo principale è di rafforzare l’unità del Paese: naturalmente anche rinnovando questo Paese, perché il suo rinnovamento è condizione per una piena coesione e per una accresciuta unità.
Il mio assillo, nello stesso tempo, è il rapporto tra le istituzioni e i giovani. Non voglio dire delle banalità o introdurre dei luoghi comuni, però sono convinto che questo sia un problema molto serio. Chi ha fatto un lungo percorso – come ho fatto io perché la sorte mi ha concesso di farlo – si domanda in che misura si riesca a parlare ai giovani: quanto siamo distanti? quanto siamo lontani? quanto ci possiamo avvicinare?
E allora, vi prego, siate vicini alle Istituzioni. Siate vicini alle Istituzioni democratiche nate con la Repubblica e con la Costituzione. Criticatele, se lo ritenete giusto, protestate, quando vi sembra necessario; ma fatelo con spirito costruttivo e con l’obiettivo di rendere più salda la nostra democrazia, anche quando si discute di scuola e di università, come in questo momento difficile che vive la scuola, l’università e il paese.
Nei giorni scorsi, quando sembrava che non ci fosse dialogo possibile con i giovani, con i ragazzi che scioperavano e manifestavano, ho incontrato degli studenti – li ho incontrati a Roma e a Milano – e ho colto una volontà positiva. Non è vero che vogliono solo difendere l’esistente così come è, non è vero che queste manifestazioni sono soltanto all’insegna del “no”.
Bisogna che noi tutti italiani, come cittadini, qualunque sia il nostro lavoro, ci rendiamo conto delle prove molto complesse che il Paese deve riuscire a superare, anche le prove del risanamento della finanza pubblica. E’ un dato indiscutibile, al di là anche degli impegni che abbiamo sottoscritto con l’Unione Europea: noi non possiamo portarci sulle spalle sempre questo pesantissimo debito pubblico, dobbiamo cominciare a ridurlo, e questo significa razionalizzare la spesa, evitare sprechi e fare investimenti giusti.
Penso che investimenti giusti siano sicuramente quelli nella ricerca e nella formazione. Però tutto ciò significa che bisogna metterci molta passione – come ce la mettete voi anche nella vostra protesta – ma, nello stesso tempo, ragionare, proporre, indicare soluzioni e tendere a delle soluzioni nell’ambito delle istituzioni democratiche.
Sono sicuro che voi, con questo spirito, farete la vostra parte. E badate – l’ho detto ieri celebrando una data così lontana come quella del 4 novembre 1918 -, solo se la nostra storia e le nostre istituzioni parleranno a voi giovani potremmo salvaguardare l’eredità e garantire il futuro della nazione italiana.

E’ arrivato l’avviso ai naviganti

31 Ott

Vi invitiamo a leggere il l’articolo di Curzio Maltese, famoso giornalista di Repubblica, per capire che cosa e’ accaduto veramente mercoledi’, quando un gruppo di fascisti ha pestato ragazzini di 14 15 anni con la compiacenza della polizia.

Per tornare a cose meno preoccupanti, oggi a Padova, nonostante la pioggia, si stanno tenendo le lezioni in piazza davanti al Bo. Prima lezione “L’origine dell’universo” tenuta dal professor Tormen. Non tutte le lezioni sono state tenute in piazza a causa della pioggia, tuttavia da lunedi’ ricomincia una settimana di corsi davanti al Bo!

PS

Il fatto che il video provenga dal sito di Di Pietro non indica alcuna vicinanza del nostro sito all’Italia dei valori. Semplicemente è una testimonianza che riteniamo interessante e che è stata raccolta da quel partito.

a Qualcuno piacciono i sondaggi…

27 Ott

Siamo stati tormentati per settimane dal fatto che il governo e le sue scelte erano condivise dal 60%-70% degli italiani. Oggi possiamo dare un’altra notizia che arriva da due sondaggi:

  • Secondo Mannheimer sul corriere ora il governo ha la fiducia solo di poco più del 40% dei cittadini
  • Secondo Ilvo Diamanti i cittadini respingono a maggioranza i tagli all’istruzione, le classi ponte, la chiusura degli istituti scolastici e sono favorevoli alle proteste degli studenti. Inoltre la fiducia nella scuola pubblica è aumentata, per le elementari sale addirittura al 69%. Interessante anche il fatto che i più favorevoli ai provvedimenti Tremonti, Brunetta e Gelmini sono i più distanti dal mondo scolastico: anziani e famiglie senza studenti o docenti. A dimostrazione che il consenso ai provvedimenti arriva più da motivazioni ideologiche che da una vera conoscenza del problema. Qui l’articolo di commento al sondaggio

Alcuni dati dal sondaggio dell’istituto Demos:

Vignetta e articoli

24 Ott

Inoltre tre interessanti articoli di Repubblica e Corriere:

Quei numeri che non si ingabbiano di ANGELO MELONE

Ecco i ragazzi dell’Onda di CURZIO MALTESE

Pisa, in piazza per la prima volta il Sant’Anna Gasperetti